Monzascacchi - c/o Target Club Viale Valassina 86, Lissone email: scacchimonza@gmail.com
 


Sfida

'Dante Alighieri contro Fabrizio G. Facezia'

fai il test ...

Nella sua modestia , il Facezia sfida Dante nel suo campo : 
La Divina Commedia , e ti chiama a giudicare chi dei due componga le rime migliori

Vediamo come te la cavi : il gioco consiste nel terminare delle terzine dantesche come le ha terminate padre Dante. Ti si propongono tre versi, ma solo uno è a Denominazione d'origine controllata...Ovviamente se sbagli verso, accrediti il Prof. Facezia come grandissimo letterato


Cominciamo con una terzina facile facile....

1)

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai in una selva oscura

a) e feci un bel picnic con Margherita

b) e colsi tre porcini ed una amanita

c) che la diritta via era smarrita

Va bene, ho scherzato, lo sanno tutti che Dante bazzicava Beatrice e non Margherita. 
Ora il Poeta è entrato nel vestibolo dell'Inferno, e Virgilio lo rincuora e gli
ricorda :

2)

Noi siam venuti al loco ovíio t'ho detto
che tu vedrai le genti dolorose

a)che dormire più non ponno nel lor letto

b)cíhanno perduto il ben dell'intelletto

c)cui il cammino per l'inferno fu diretto

Non è più così facile, vero? Eppure son anche questi versi piuttosto noti. Fa ora il suo ingresso uno dei personaggi più conosciuti della Commedia, Caronte traghettatore di anime , e Dante ne descrive l'arrivo così:

 

3)

Ed ecco verso noi venir per nave

un vecchio, bianco per antico pelo

a) gridando 'Guai a voi, anime prave "

b) cantando' e lo viaggio fia soave '

c) seco menando rape, ceci e fave

Perché Caronte portava con sé dei legumi ? Oppure, perché minacciava le anime? Ancora un quiz su Caronte, che  dopo essersi stupito della presenza di un visitatore vivo  , si concentra sulla sua attività di traghettatore di anime..

 

4)

Caron dimonio, con occhi di bragia

loro accennando, tutte le raccoglie

a)e non le tien certo in la bambagia

b) batte col remo qualunque si adagia

c)sicchÈ nessuna resta poi randagia

Lasciamo il traghettatore alla sua attività e, passiamo ora al canto quinto, ove sono descritti i patimenti dei lussuriosi. L'ingresso del secondo cerchio è presidiato da Minosse, il giudice infernale:

 

5)

Stavvi Minos orribilmente e ringhia:

essamina le colpe ne l'intrata:

a)Giudica e manda secondo c'avvinghia

b)Ed ogni peccator sente sua cinghia

c)graffia gli spirti con denti e con l'unghia

Che fa dunque Minosse? Frusta o graffia i dannati? O che altro?  Comunque sia, l'ambiente non è dei migliori, infatti...

 

6)

La bufera infernal, che mai non resta,

mena gli spirti con la sua rapina

a) e i diavoli cominciano lor festa

b) e i piedi manda in su, in giù la testa

c) voltando e percotendo li molesta

Approfittando di un momentaneo affievolirsi della bufera , Dante chiama a sé due spiriti che sembrano volare leggeri nel vento. Sono Paolo e Francesca, e quest'ultima racconta le traversie del loro amore.

 

7)

E quella a me : 'Nessun maggior dolore

 che ricordarsi del tempo felice

a) nella malattia , e ciò sa èl tuo dottore.

b) nella miseria, e ciò sa èl tuo dottore

c) quando tristi e lunghe sembran l'ore

La narrazione di Francesca arriva quindi al climax, quando descrive líeccitazione amorosa che la lettura degli amori di Lancillotto e Ginevra causa a lei ed a Paolo

 

8)

Ma solo un punto fu quel che ci vinse.

Quando leggemmo il disiato riso

 esser baciato da cotanto amante,

questi, che mai da me non fia diviso

a) mi aperse la camicia sul davante

b) la bocca mi baciò tutto tremante

c ) mi regalò un monile con diamante

Che fece dunque Paolo? Tentò un approccio amoroso o cercò di conquistare Francesca con costosi regali?

Nel  canto successivo facciamo conoscenza , nella fase iniziale , di un cane affatto particolare:

 

9)

Cerbero, fiera crudele e diversa,

con tre gole caninamente latra

a) contro colui che la retta via ha persa

b) verso chi non ha l'anima tersa

c) contro la gente che quivi è sommersa

Passiamo ora al canto decimo; mentre Dante cammina tra le tombe infuocate, un concittadino è stupito di ascoltare la parlata fiorentina, e così si rivolge a lui:

 

10 )

O Tosco, che per la città del foco

vivo te n' vai così parlando onesto

a) fermati a conversar con noi un poco

b) non creder che per noi ciò sia un gioco

c) piacciati di restare in esto loco

Virgilio incoraggia il discepolo ad avvicinarsi  a Farinata degli Uberti, il dannato, famoso uomo politico e condottiero dell'epoca, di fazione avversa, che ha rivolto la parola a Dante.

 

11)

E l'animose man del duca e pronte

mi pinser fra le sepolture a lui

a) dicendo: ricorda che era un conte!

b) dicendo: le parole tue sien conte

c) dicendo: di saggezza sia tua fonte

Siamo ora giunti al Canto tredicesimo, nella selva dei suicidi, che sono tramutati in arbusti; ecco come Dante descrive il bosco, in cui non vi erano tracce di alcun sentiero

 

12)

Non fronda verde, ma di colore fosco;

non rami schietti, ma nodosi e 'nvolti;

a) non luce era ch'entrasse in quel bosco

b) non pomi víeran, ma stecchi con tòsco

c) ed una voce udii chiamare 'Oh Tosco'

Un ambiente simpatico ed accogliente, anche per la cordialità di una certa 'selvaggina' stanziale..le Arpie, metà donne e metà uccelli.

 

13)

Ali hanno late, e colli e visi umani,

pi è con artigli e pennuto il gran ventre

a) fanno lamenti in su li alberi strani

b)fissale in volto e di pietra rimani

c) urlar le fa la pioggia come cani

 Dante incredulo, incoraggiato da Virgilio, stacca un ramoscello da un albero...

 

14 )

Allor porsi la mano un poco avante,

e colsi un ramoscello da un gran pruno

a) lo quale dimandò: 'che fate, oh Dante!'

b) e èl tronco suo gridò : ' Perché mi schiante?'

c) che sibilò ver noi: 'Venite avante!'

E' Pier delle Vigne, il consigliere di Federico secondo , caduto in disgrazia e suicidatosi. Così spiega il perché del suo gesto estremo

 

15 )

L'animo mio, per disdegnoso gusto,

credendo col morir fuggir disdegno

a) giusto fece me contra me ingiusto

b) ingiusto fece me contra me giusto

c) pender si lasciò da un alto arbusto

Saltiamo ora al canto diciasettesimo, e facciamo conoscenza con il mostro Gerione, volto umano, zampe di leone e corpo serpentino dai colori variegati e ingannevoli,   allegoria e rappresentazione della frode.

 

16)

'Ecco la bestia con la coda aguzza

che passa i monti e rompe i muri e líarmi!

a) Guardala che il cibo si sminuzza!'

b) Guarda insieme a lei, Toni e Santuzza'

c) Ecco colei che tutto il mondo appuzza!'

Ecco una delle invettive di Dante, forse la meno nota..

 

17)

Ahi Genovesi uomini diversi 

d'ogne costume e pieni d'ogne magagne

a) perché non siete voi nel mondo persi

b) gli spiriti del ciel vi sono avversi

c) altro biasmo recherò con i miei versi.

La più nota invettiva è probabilmente la seguente, dal Canto 6° del Purgatorio

 

18 )

Ahi serva Italia, di dolore ostello

nave senza nocchiero in gran tempesta

a) ti resta da sperar che torni il bello

b) non donna di province, ma bordello

c) sulle tue spalle rechi gran fardello



Soluzioni

Quiz   Numero  3,5,13,17    =  a)

Quiz   Numero  2,4,6,7,8,11,12,14,15,18 =b)

Quiz   Numero 1,9,16   = c )


Giudizio

Risposte esatte: 

meno di cinque

Riprova col Petrarca

 

tra cinque e dieci

Meglio di come giochi a scacchi

 

più di dieci

Più Dantista che dentista bravo ! ...

 

»
Scrivi a kob