Monzascacchi - c/o Target Club Viale Valassina 86, Lissone email: scacchimonza@gmail.com
 

Quattro di mattina. Un lieve suono, quasi impercettibile, mi sveglia. Sudore freddo nella schiena. Le mani che tremano, mi avvicino al computer. Zuppa mi avvisa, con un pallino. Un messaggio. Ancora. it.hobby.scacchi. Un pallino, grigio, apro.

zuppa1.jpg
Un post, misterioso e inquietante. Si intitola: 'Perché ho giocato 1. e4'. La firma, Alberto Vallerulo, so già che non conta. Conta l'header. Lo guardo, nella vaga speranza che il mio newsreader, che il mio filtro, abbia sbagliato. No. 212.239.22.168. Ancora lui. LUI. Leggo il post, è molto lungo.
Spiega, dettagliatamente, una partita. Cosa significa? Riguardo i post ricevuti fino ad oggi. Li ho catalogati, controllati, analizzati. Fino a che ho capito. Su 14773 post ben 9613 vengono da questo indirizzo. 212.239.22.168. Vengono da una stessa persona. Che ha usato 1756 firme differenti. Che ha parlato di 4359 argomenti diversi, e almeno a prima vista, tra loro slegati. In qualche thread ha polemizzato con sé stesso. In altri si è plonkato. In altri ancora si è fatto i complimenti. Si è posto domande e si è dato risposte. Eppure l'autore è sempre lo stesso. Ho letto, riletto, analizzato, ogni cosa che ha scritto. Ha tuonato contro il gioco lampo, accusandolo di instupidire i giocatori, di svilire la magia degli scacchi e lo ha difeso, sostenendo che aguzza l'ingegno. Ha aperto un thread, il più lungo della storia del newsgroup, polemizzando con gli amministratori di thisistheplacetoplaychess, rei di avere bannato indiscriminatamente i giocatori che aprivano e4. In quello stesso thread è intervenuto, in qualità di amministratore del sito, rifiutandosi sdegnatamente di rendere pubbliche le procedure di controllo utilizzate, ma assicurando la loro infallibilità. Con altro pseudonimo ha reagito a tale presa di posizione, definendola nazista. Quando il thread sembrava languire, quando tutto sembrava essere stato detto, ha postato di nuovo, dicendo di essere uno che aveva appena cominciato a giocare, e chiedendo se qualcuno poteva fargli un breve riepilogo della questione. Si è risposto subito, con un altro nick, rivolgendosi parole di fuoco. Allora è insorto, con ben cinque nick diversi, sostenendo che non era possibile trattare così i novellini, che è necessario fare accoglienza, aiutare chi si avvicina a questo mondo, e non cacciarlo via a male parole. Ne sono seguiti altri 125 post, alcuni dei quali scritti anche da altri, in cui i protagonisti si sono accapigliati, scambiandosi parole di fuoco, ricordando episodi avvenuti, mandando minacce per il futuro. Poi è passato ad altro. A un certo punto però, deve avere sentito il mio fiato sul collo. Deve aver capito che lo inseguivo. Allora ha cominciato a postare di meno. E a postare con firme chiaramente beffarde. Una delle prime è stata Non sono Beppe Bergomi. Firma importante, se vera, perché Beppe è uno degli autori maggiormente prolifici del gruppo. Rapido controllo. È vero. Beppe ha un altro indirizzo. Sempre, in tutti i suoi 1256 post. Tranne che in uno. Un post in cui si legge un Beppe diverso dal solito, che di colpo, senza ragione, si scaglia in un pesantissimo attacco contro le seconde nazionali. Dice: avete presente come gioca una qualunque seconda nazionale? Butta là i pezzi, ricorda a memoria le prime dieci quindici mosse, ma poi, quando deve ragionare, non è in grado di fare una mossa degna di questo nome. Ancora una volta, si è scatenato un putiferio. 317 post. Tutti di giocatori che si definivano dueenne. 147 di questi scritti da LUI. Con toni diversi, con linguaggi diversi, con firme e newsreader diversi, ma sempre LUI. È stato proprio quel post che ha sollevato i miei primi sospetti. Ma come, Beppe, l'amico di ogni giocatore, pronto a spiegare i rudimenti del gioco a ogni novellino, di colpo decide di prendersela con un'intera categoria? Ho studiato e ho scoperto. E allora mi sono creato questo script, che mi segnala, in automatico, ogni messaggio che proviene da quell'indirizzo, che lo filtra, che studia le strutture morfo sintattiche usate. Sono sicuro che un giorno scoprirò qualcosa, sfuggito nelle pieghe dell'ennesima polemica su scacchi e computer. Che capirò il PIANO. Che mi avvicinerò all'identità del misterioso AUTORE. Intanto posto. So che mi ha scoperto, l'ho letto tra le righe del suo penultimo post, quello in cui impersonava uno slavo che si offriva di alzare il rating di chi gli desse ospitalità. Al termine di quel post scriveva astenersi mercenari e perditempo e poi il mio Ip. Perditempo, capite? Come dire non ce la farai mai. Ho deciso di affrontarlo. Posto, aprendo un nuovo thread, dal titolo 'Non ce la farai a sfuggirmi', lo firmo Hercule Poirot, e in 795 righe spiego, a LUI e a tutti, dettagliatamente, i risultati delle mie indagini. Spero che qualcuno riesca a individuarlo, magari a riconoscere in qualche brandello un volto conosciuto, una persona frequentata. In più voglio mostrargli che non ho paura. Che lo affronto a viso aperto. Nascondendo il mio nome, certo, cerchiamo di mantenere virtuali queste questioni. Invio. Il lag, tipico di quest'ora della mattina, rallenta molto la spedizione, ma alla fine il post arriva. Torno a letto, sudato, tremante, contento, quasi sollevato.

Un minuto dopo, in automatico, Zuppa riceve i messaggi da ihs.

Ce n'è uno solo, il mio.

A fianco un pallino grigio.

»
Scrivi a kob